Vai menu di sezione

Il Comune di Arco nell’era digital

Ogni cittadino utilizza ormai tablet e smartphone per moltissime attività quotidiane: prenotazione di voli, vacanze, utilizzo di mappe per localizzare attività commerciali, ristoranti, musei. Queste attività vengono svolte con naturalezza tanto più dai giovani che vengono definiti digital nativi. È dunque evidente che stiamo vivendo una rivoluzione digitale dove i servizi di qualsiasi natura saranno sempre più fruibili da computer o device mobile.

Come sempre la Pubblica Amministrazione può essere un motore fondamentale per l’abilitazione a questi processi e lo deve fare seguendo precise regole normative. Ogni servizio per il cittadino deve essere garantito e sicuro e questo comporta che anche negli uffici pubblici debba esserci la piena consapevolezza di come operare con queste nuove tecnologie. Ogni giorno percorriamo strade e piste ciclabili, trascorriamo ore rilassanti nei parchi pubblici condividendo momenti di serenità. Spesso diamo per assunto che tutto ciò è nella natura delle cose, in realtà questo è possibile grazie ad un poderoso lavoro che prevede pianificazione, investimento e conoscenza di tutti gli elementi che compongono una strada o un’area verde: segnali, punti luce, numeri civici, pozzetti, alberi e così via. Tanto più la conoscenza è precisa ed aggiornata tanto più si ottiene l’efficacia dei servizi pubblici.

Questi i temi che sono stati trattati nel recente convegno tenutosi il 9 maggio nella sala consiliare del Casinò municipale di Arco che ha ospitato un centinaio di partecipanti. Durante l’evento si sono apprese le fasi operative di realizzazione del progetto “sportello telematico”: strumento attraverso il quale i professionisti e i cittadini potranno inviare le proprie pratiche 24 ore su 24, inoltre è stato rendicontato il lavoro di “mappatura digitale della segnaletica stradale” dell’intero territorio comunale che permetterà di gestire e mantenere il territorio anche in questo ambito, con precisioni mai viste prima. L’intero progetto è stato realizzato dall’azienda padovana Gemmlab srl che per lo Sportello telematico ha utilizzato la componente tecnologica di Globo srl con la quale ha una consolidata partnership tecnologica.

Dopo i saluti del sindaco Alessandro Betta, che ha confermato la volontà di continuare il percorso verso le nuove frontiere della digitalizzazione nel territorio arcense, l’ing. Daniele Lo Re, responsabile della transizione digitale, ha reso pubblici tutti i passaggi salienti dell’ultimo decennio che hanno portato ai risultati attuali e che oggi consentono al Comune di Arco di essere una realtà unica nello scenario trentino. La commistione tra applicazioni, formazione del personale, organizzazione degli uffici e supporto tecnologico consulenziale oggi ha consentito il raggiungimento dei risultati presentati. Conoscere con precisione centimetrica qualsiasi oggetto del territorio, navigare all’interno del patrimonio immobiliare verificando chi abita prevenire le modifiche urbanistiche contando su banche dati integrate sempre aggiornate che dialogano tra di loro è ottenibile in tempi impensabili fino a pochi anni orsono.

Interessante è stata infatti l’illustrazione dell’attività di mappatura del territorio che permette di verificare con precisioni centimetriche le dimensioni e i volumi di ciò che sostanzia il territorio arcense. Il caso d’uso relativo alla gestione della segnaletica stradale è stato presentato come esempio da Michele Nocera direttore tecnico di Gemmlab.

La presentazione di Marco Deligios, presidente di Globo, ha quindi introdotto i principali temi legati alle normative vigenti in materia di amministrazione digitale illustrando come lo sportello telematico sia pienamente a garanzia dell’ente pubblico e dei professionisti. Semplificazione non vuol dire semplicismo dunque.

Al termine i tecnici delle due ditte hanno illustrato un esempio di presentazione telematica di una istanza edilizia mostrando la semplicità d’uso del nuovo portale raggiungibile attraverso il link: https://sportellotelematico.comune.arco.tn.it/ o accedendo direttamente dall’home page del sito istituzionale del comune: www.comune.arco.tn.it

Durante l’evento hanno inoltre portato la loro esperienza di digitalizzazione il Comune di Abano Terme, attraverso la voce di Edoardo Dianin, e il Comune di Trento, per il quale ha preso parola Giacomo Fioroni, capo progetto “Smart City”. Oggi il comune di Arco ha tagliato il nastro verso un futuro senza carta tendendo una mano verso i propri cittadini. Lo sportello telematico per Arco partirà dal 1° giugno prossimo per dare la possibilità ai professionisti e alle imprese di prendere confidenza con il nuovo strumento; dal 1° gennaio 2020 invece tutte le pratiche dovranno essere presentate solo ed esclusivamente attraverso il portale.

torna all'inizio del contenuto
Pagina pubblicata Giovedì, 30 Maggio 2019

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto