Menu principale

Ti trovi in:

Home » Comune » Comunicazione » Notizie » Notizie in evidenza » Samantha Cristoforetti ha ricevuto il premio Caproni

Menu di navigazione

Comune

Samantha Cristoforetti ha ricevuto il premio Caproni

di Lunedì, 30 Ottobre 2017
Immagine decorativa

La prima edizione del premio Caproni è stata assegnata a Samantha Cristoforetti, notissima aviatrice e astronauta, prima donna italiana nello spazio. La cerimonia di consegna si è tenuta venerdì 27 ottobre, giorno della morte di Gianni Caproni, nel salone delle feste del Casinò municipale, per l'occasione stracolmo di gente, tra cui tantissime autorità. (leggi)

Il premio, propriamente una onorificenza al merito, è nato nell'ambito delle iniziative per il 60° anniversario della scomparsa di Giovanni Battista «Gianni» Caproni (Arco, 3 luglio 1886 - Roma, 27 ottobre 1957): la città di Arco ha istituito il premio a lui intitolato, per ricordare e onorare il proprio illustre concittadino, pioniere dell’aeronautica e uomo attento allo sviluppo e alla tutela del territorio, di grande senso civico e sensibilità sociale.

La cerimonia si è aperta alla 18 con il saluto del sindaco Alessandro Betta: «Questo premio è la dimostrazione di un legame forte e sempre molto vivo di Arco con il suo illustre concittadino Gianni Caproni – ha detto il sindaco – il cui impegno per la sua comunità è testimoniato ancora oggi dai molti luoghi che portano il suo nome. Il premio, che abbiamo voluto fortemente, ha assunto, nella sua prima edizione, un valore straordinario, in virtù della persona che lo riceve oggi, Samantha Cristoforetti. Un nome rispetto al quale la commissione chiamata ad assegnare il premio ha avuto gioco facile, per la immediata e larghissima condivisione. Una donna straordinaria con capacità uniche, come quelle di Gianni Caproni, il quale non è stato solo un uomo di genio, ma anche una persona legata al suo territorio e attenta al prossimo, che ha fatto tantissimo per la nostra città. Il suo sogno era volare, un sogno rappresentato oggi per tutti noi da Samantha, che lo porta avanti, e che con quel volo ha fatto volare alto anche la nostra città».

Immagine decorativa

A seguire i saluti del colonnello Pietro Spagnoli, comandante del Terzo Stormo dell'Aeronautica militare, che si è detto orgoglioso di Samantha Cristoforetti, «eccellenza del nostro Paese e testimonianza dell'efficacia dei processi di selezione dell'Aeronautica»; e per la famiglia Caproni di Umberto, conte di Taliedo, che ricordando l'analogia della consegna, da parte dello stesso Gianni Caproni nel 1913, del brevetto di volo alla prima pilota italiana, Rosina Ferrario, ha sottolineato come i successi di Gianni Caproni onorino tutto il Paese.

A seguire Romano Turrini, storico arcense autore di svariate pubblicazioni su Gianni Caproni e uno degli ispiratori dell'idea del premio a lui dedicato, ha tratteggiato la storia del pioniere dell'aviazione, dagli esordi in un cortile di Massone, ai tanti aeroplani e alle innumerevoli altre iniziative, tra cui quelle a sostegno della città e della sua economia.

Immagine decorativa

Quindi l'intervento dell'assessore alla cultura Stefano Miori, che ha raccontato la storia della nascita del premio: «L'idea è nata da un sentimento di riconoscenza e di affetto – ha detto – e da alcune sollecitazioni della famiglia Caproni, il tutto accolto con entusiasmo dal Consiglio comunale. Una iniziativa che vuole creare un collegamento più forte ancora tra la città di Arco e Gianni Caproni. I premi a lui dedicati in tutto il mondo sono innumerevoli, ma il nostro è l'unico non dedicato solo agli aspetti legati all'aviazione, ma ad un'ampia varietà di aspetti che ne caratterizzano la straordinaria figura e le innumerevoli iniziative». L'assessore ha poi descritto «Futura Mundi», la creazione della gioielleria Mastro 7 di Trento che costituisce il premio, e ha annunciato che i premiati della prima edizione del Caproni sono, oltre a Samantha Cristoforetti, anche il tenente colonnello Francesco Volpi, celebre aviatore trentino, presente alla cerimonia; e Maria Fede Caproni, figlia di Gianni, assente per motivi di salute. I due premi saranno consegnati prossimamente.

La cerimonia è proseguita con l'intervento di Giancarla Tognoni, responsabile dell'Ufficio cultura del Comune di Arco, che ha raccontato la straordinaria carriera di Samantha Cristoforetti, al quale ha fatto seguito la proiezione di un filmato dell'Esa (European Space Agency), con traduzione e voce narrante di Guido Trebo.

Poi il sindaco ha letto il testo completo dell'atto formale che attribuisce il premio Caproni a Samantha Cristoforetti, alla quale è infine stata ceduta la parola.

Immagine decorativa

Samantha ha raccontato la sua vita e ha descritto il suo lavoro, mostrando immagini a video, in particolare dal 2009 in poi, quando è stata selezionata per la missione Futura sulla Stazione spaziale internazionale. Circa il premio: «Ricevere questo premio è per me un onore e una gioia – ha detto – come astronauta e come pilota. Caproni è per me un riferimento importante perché ha segnato gli albori dell’aviazione, della quale il volo spaziale è una continuazione. Come italiana, come cittadina e come trentina trovo importante attribuire la giusta importanza a un ingegnere, perché le figure tecniche e scientifiche spesso non hanno la giusta gratificazione in termini di memoria». Tra i passaggi più applauditi, quello in cui si è definita «una persona di montagna», mostrando la propria foto da bambina nella neve in val di Sole.

Le foto sono di Davide Turrini

Cerca