Menu principale

Ti trovi in:

Home » Comune » Comunicazione » Notizie » Notizie in evidenza » Dedicato alla donna 2017: «Non solo mamma»

Menu di navigazione

Comune

Dedicato alla donna 2017: «Non solo mamma»

di Giovedì, 09 Marzo 2017
Immagine decorativa

Per la Giornata internazionale della donna, il Comune di Arco propone la tradizionale rassegna «Dedicato alla donna», la cui edizione 2017 verte, oltre che sul classico concorso letterario «Storie di donne» (scadenza il 31 marzo, premiazione il 6 maggio), su una novità: un laboratorio esperienziale dal titolo «Non solo mamma», ovvero tre incontri dedicati alla riscoperta del proprio sé, conciliando l'essere donna con il ruolo di madre attraverso danza, attività creative e ascolto. Il laboratorio, a cura di Luisa Tamburini e Vania Mancabelli, si tiene in biblioteca nei martedì dal 14 al 28 marzo con inizio alle ore 19 (durata: due ore). Iscrizione gratuita in biblioteca (posti limitati). (leggi)

Essere un genitore presente, attento e accogliente non significa identificarsi esclusivamente in quell’unico ruolo, dimenticando la visione d’insieme. La donna infatti non è solo madre ma anche moglie, compagna, figlia, amica, lavoratrice. Tutte dimensioni importanti e fondamentali per una vita equilibrata e gratificante. La danza ha il potere di attivare e rivelare il femminile che è ancora sommerso, nascosto o trascurato. Può essere un mezzo che aiuta ad acquisire maggior consapevolezza nel ruolo di madre e di “donna” è un’occasione per confrontarsi e condividere emozioni, pensieri, storie, idee e anche paure, senza costrizione ma nella piena libertà di potersi raccontare o semplicemente di essere semplici ascoltatori. Il gruppo è una grande risorsa e un arricchimento, in quanto “bacino” di esperienze e vissuti che stimolano e portano al confronto e alla riflessione. Il gruppo infonde forza, energia vitale e una carica che aiuta ognuno a perseguire una ricerca personale.

I nuovi traguardi delle neuroscienze hanno determinato la necessità di acquisire metodi e tecniche educative più efficaci, in grado di fornire nuove capacità agli educatori (counselor) nella gestione delle relazioni interpersonali. L’individuo non è più un elemento singolo da studiare a prescindere dall’ambiente in cui vive, ma fa parte di una serie infinita di sistemi in ognuno dei quali assume dei ruoli, invia e riceve dei segnali comunicativi ed all’interno dei quali assume determinati comportamenti piuttosto che altri. Quindi possiamo definire il counselling come la consulenza fornita per orientare, sostenere, sviluppare, permettendo alla persona di esprimersi in forma più libera ed aperta in un clima di ascolto partecipe ed empatico.

Luisa Tamburini, laureata in scienze dell’educazione, è consulente familiare e insegnante titolare di biodanza. Vania Mancabelli è educatrice in ambito minori e famiglie, consuelor professionista a indirizzo biografico ed esperta in laboratori creativi.

Info
Biblioteca civica di Arco «Bruno Emmert»
http://biblioteca.comune.arco.tn.it
0464 516115

Posizione GPS
Cerca