Menu principale

Ti trovi in:

Home » Comune » Comunicazione » Notizie » La memoria culturale dell’Oltresarca

Menu di navigazione

Comune

La memoria culturale dell’Oltresarca

di Giovedì, 12 Luglio 2018
Immagine decorativa

Nell’ambito della quinta summer school di archeologia partecipata «L'affaccio sul lago. Il paesaggio storico di Nago e Torbole», che si sta svolgendo in queste settimane a Nago, lunedì 16 luglio sarà presentato il volume «La memoria culturale dell’Oltresarca trentino. Paesaggi, persone e storie di pietre», a cura di Alexandra Chavarrìa Arnau e Marie-Ange Causarano (Sap/Mag, Mantova, 2018). L’appuntamento è alle 20.30 nella sede della Cassa Rurale di Bolognano. (leggi)

Esito della collaborazione pluriennale tra Dipartimento di beni culturali dell'Università degli studi di Padova e Museo Alto Garda, che ha già generato le due pubblicazioni sulle esperienze di studio a Campi di Riva del Garda nel 2014 e a Drena nel 2015, questo terzo volume è il frutto di ricerche effettuate da una trentina di laureandi, specializzandi e dottorandi coordinati dalla prof.ssa Alexandra Chavarria Arnau, nel corso delle due summer school dedicate all’Oltresarca tra 2016 e 2017.

Le quattro settimane complessive di lavoro sul campo si sono concentrate dapprima sull'abitato più esteso dell'Oltresarca, Bolognano, sul paesaggio dell’olivaia di Oltresarca e del monte Stivo e sui luoghi dove sorgeva l'antico fortilizio dei Seiano; in secondo luogo sono state studiate con particolare attenzione le pietre ricavate dall'antico sito di cava posto a ridosso dell'abitato di Massone.

Le due esperienze sono state arricchite da incontri e laboratori con associazioni locali (Sommolago, Mnemoteca del Basso Sarca, associazione Monte Velo) e singoli esperti di storia e cultura altogardesana (Ivo Bertamini, Franco Michelotti, Flavio Tamburini, Ludovico Tavernini, Romano Turrini, Sara Vicenzi), ma anche registi di documentari (Michele Trentini) e altre realtà scientifiche e culturali trentine (Muse, Museo delle scienze di Trento, rivista Studi Trentini Storia, Accademia della Montagna, Imperial Wines, progetto Portobeseno).

A margine dello studio su fonti documentarie, catastali e cartografiche, all’analisi degli edifici e dell’evoluzione dello paesaggio boschivo a interviste e a raccolta di fotografie, ai giovani ricercatori sono state infine proposte escursioni guidate in alcuni luoghi significativi per la storia dell‘Oltresarca: dal dosso dove sorgeva l’antico castello di Seiano al cosiddetto Castìl dei conti d’Arco al passo Santa Barbara; dall'eremo dei Santi Giacomo e Silvestro al monte di Bolognano alle postazioni della Grande guerra disseminate nel bosco Caproni; dalla casa natale della famiglia Caproni a Massone alla chiesa di San Rocco a Caneve.

In questo volume si trovano riunificate tutte queste esperienze e si propone una ricostruzione più organica possibile del paesaggio storico dell’intero Oltresarca arcense e della memoria culturale degli abitati di Bolognano e Massone. Tale ricerca partecipata, svolta come di consueto fianco a fianco con la popolazione e con realtà associative e di volontariato, si è svolta sul territorio per un mese, ma è frutto di due anni intensi di approfondimenti e rielaborazioni, tesi di laurea e di specializzazione.

Gli studi qui raccolti costituiscono un nuovo importante capitolo negli studi sui paesaggi storici del Sommolago e diverranno ben presto, come avvenuto nei casi precedenti, patrimonio comune dell’intera comunità altogardesana perché frutto dell’incontro, dei consigli e dei racconti dei residenti nelle comunità dell’Oltresarca: preziosi frammenti riconsegnati alla collettività, pronti per stimolare nuove indagini, generare consapevolezza e suggerire nuovi strumenti per la tutela e la valorizzazione del patrimonio collettivo.

Nel frattempo, proseguono in questi giorni i lavori della quinta summer school di archeologia partecipata «L'affaccio sul lago. Il paesaggio storico di Nago e Torbole», con numerosi appuntamenti aperti al pubblico.

www.museoaltogarda.it

Posizione GPS