Menu principale

Ti trovi in:

Home » Comune » Comunicazione » Notizie » Il sì di Maria

Menu di navigazione

Comune

Il sì di Maria

di Giovedì, 10 Agosto 2017 - Ultima modifica: Domenica, 13 Agosto 2017
Immagine decorativa

È dedicato a Maria e vuole essere una sorta di poema musicale della vita, con ogni brano scelto per la sua capacità di «raccontare» le diverse tappe del percorso dell’uomo alla ricerca dell’amore e del senso dell'esistere. Si tratta del tradizionale concerto dell'Assunta del Comune di Arco, quest'anno dal titolo «Il sì di Maria», con l'ensemble dell'Orchestra sinfonica Carlo Coccia e il flauto solista e concertatore di Michele Brescia, con inoltre Elton Tola e Cesare Zanfini al violino, Claudia Brancaccio alla viola e Roberto Politi al violoncello. Nella chiesa Collegiata lunedì 14 agosto con inizio alle 20.45 e ingresso libero. (leggi)

Il programma di questo concerto - organizzato dall'Assessorato alla cultura in collaborazione con la Parrocchia - vuole condividere il “desiderio di cielo”, l’apertura dell’uomo all’amore di Dio; l’amore che si incarna nella Madre celeste che è “Porta felice del cielo, spirituale paradiso di delizie ove nel dì dell’incarnazione fu piantato il vero Albero della vita, il Salvatore del mondo”. Dio ha scelto una giovane fanciulla e ha messo suo figlio – Dio stesso- nelle sue mani, nel suo grembo. Sapeva Dio che Maria avrebbe detto “sì”? Dio stesso si è rimesso alla libertà di Maria, la libertà di dire “sì”, e da quella libertà, nella quale Dio pienamente ci lascia, ha inizio la storia della salvezza dell'uomo. Prima di Maria anche Gioacchino e Anna hanno detto “sì”, poi Maria e poi quello smisurato di Gesù, mite agnello e salvatore. Ultimo anello mancante alla divina catena dei “sì” è quello dell’uomo: il più desiderato da Gesù e dalla madre celeste. Così il mistero divino che decide di rivelarsi all’uomo si manifesta anche attraverso la nascita del “Giglio del paradiso” che questa sera vogliamo festeggiare e accogliere nel nostro cuore.

Programma

Johann Sebastian Bach (1685-1750)
Largo dal Concerto in Fa minore “Arioso”

Antonio Vivaldi (1678-1741)
“La Note”
Concerto in Sol minore Op. X n.2 per flauto e archi
Largo - Presto “Fantasmi” - Largo - Presto - Largo “Il sonno” - Allegro

Georg Philip Telemann (1681-1767)
Suite il La minore per flauto e archi
Ouverture - Trio - Air à l'italienne – Menuet – Polonaise - Réjouissance

Claude Debussy (1862-1918)
La Ragazza dai capelli di lino

Cristoph Willibald Gluck (1714-1787)
La danza degli spiriti beati

Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791)
Rondò KW 373 per flauto e archi
Allegro grazioso

Michele Brescia
Si diploma con il massimo dei voti in Flauto presso il Conservatorio G. Verdi di Milano e si perfeziona poi presso la Scuola di Musica di Fiesole. Tiene diversi concerti in Italia e in Europa. Inizia a dirigere nel 1990, appena ventenne. E dopo diverse esperienze in ambito cameristico dirige il “Don Giovanni” di Mozart in diversi teatri milanesi in collaborazione con il Comune di Milano e presso la Villa Bernocchi per l’Accademia Musicale di Premeno (VB) dove inizia una intensa e duratura collaborazione con il soprano Luciana Serra con cui allestisce anche “Il flauto magico”. Nel 2004 è assistente di Arnold Bosman al Teatro Petruzzelli di Bari per l’allestimento di “Nozze di Figaro”. L’anno seguente dirige il “Rato del Serraglio” di Mozart e “Pierino e il lupo” di Prokofiev entrambe con la partecipazione straordinaria di Andrea Brambilla (Zuzzurro). Impossibile elencare tutti i concerti diretti e le produzioni con cui ha collaborato; per la peculiarità, si segnala che nel dicembre 2010, nella trasmissione RAI3 “Che Tempo Che Fa” ha diretto l’orchestra per l’esibizione di Sting. A marzo 2014 ha lavorato con Uto Ughi per il concerto dei vent’anni dell’Orchestra Coccia di Novara e al Bellagio Festival dirige il Requiem di Mozart. Nel Dicembre 2013 dirige “Lago dei cigni” e “Schiaccianoci” presso il teatro “Arcimboldi” di Milano con il balletto di stato di San Pietroburgo. Si occupa anche di direzione corale e musica sacra, ha all’attivo diverse tournée in Austria e Ungheria. Attualmente è direttore dei cori polifonici MusicaInCanto e Choralia. E’ direttore della Civica Scuola di Musica di Cesano Boscone (MI). E’ direttore artistico e direttore d'orchestra della stagione musicale Segni di Bellezza, che ha avuto la sua prima edizione nel 2015. Da quest’anno collabora anche con il Coro Castel della sezione SAT di Arco, di cui è direttore. L'Orchestra Sinfonica Carlo Coccia di Novara Fondata nel 1994, è oggi una prestigiosa realtà musicale; la presenza sempre più assidua in importanti Stagioni Concertistiche la rendono un punto di riferimento della vita musicale italiana e la collaborazione con importanti direttori e solisti ne conferma la crescita artistica. Fin dal suo esordio ha ricevuto unanimi consensi collaborando con rinomati direttori e celebri artisti. Dal 1999 l'orchestra ha intrapreso una fattiva collaborazione con l'Associazione Coro Filarmonico del Teatro alla Scala effettuando diversi concerti nelle principali città italiane. L'Orchestra Carlo Coccia ha affiancato il Balletto della Scala per la serata inaugurale del Teatro Alfieri di Asti nel giugno 2002 e per alcuni anni ha effettuato diverse tournée con il Balletto di Mosca, affrontando il grande repertorio classico. Il repertorio spazia da Bach alla musica sinfonica romantica, alle composizioni del Novecento. Ha realizzato diverse incisioni di pregio e non da meno è l'attività in campo operistico. L’Ensemble di solisti impegnati nel concerto dell’Assunta, fa parte di questa prestigiosa compagine: Elton Tola e Cesare Zanfini al violino, Claudia Brancaccio alla viola; Roberto Politi al violoncello.

Informazioni
Comune di Arco, Ufficio attività culturali
0464 583656
cultura@comune.arco.tn.it

Foto dal sito ufficiale http://orchestracarlococcia.it/