Menu principale

Ti trovi in:

Home » Comune » Comunicazione » Notizie » I gioielli di Madame de...

Menu di navigazione

Comune

I gioielli di Madame de...

di Venerdì, 10 Novembre 2017
Immagine decorativa

La commedia di Max Ophüls «I gioielli di Madame de...» (Francia, 1953, durata un'ora e 40 minuti) è la proposta del cineforum Lunedì Cinema per il 13 novembre, nell'ambito del ciclo tematico «La belle époque e il cinema di Max Ophüls». Con Charles Boyer, Vittorio De Sica, Danielle Darrieux, Lia Di Leo, Jean Debucourt. Proiezione all'auditorium del Conservatorio a Riva del Garda con inizio alle 21. L'ingresso avviene con tessera FIC (sottoscrivibile la sera della proiezione, al costo di 12 euro, 5 euro per gli studenti fino ai 25 anni d'età, valida per l’intera stagione). (leggi)

Un paio di preziosi orecchini, regalati da un generale alla moglie, passa di mano in mano, in una catena di donazioni, fino a ritornare alla proprietaria d'origine. La signora offre gli orecchini alla Madonna, proprio mentre inizia il duello fra suo marito e un conte. La donna sente il rumore di uno sparo e cade svenuta: uno dei contendenti è morto.

Immagine decorativa

Max Ophüls è considerato il maestro insuperato del genere melodrammatico. I suoi film sono miracolosi cocktail di eleganza e intensità, sublimati da un aristocratico, impeccabile senso della composizione. Il suo stile cinematografico è contraddistinto da elaborati e raffinatissimi movimenti di camera, che conferiscono ai suoi film un andamento musicale, con un uso complesso della gru e carrellate spesso circolari. La sua tecnica destinata ad essere più largamente imitata è quella di muovere la camera circolarmente intorno a un soggetto statico. Stanley Kubrick lo riteneva il suo regista preferito, nonché perpetua fonte d'ispirazione. Nato a Saarbrücken col nome di Max Oppenheimer, Ophüls ha iniziato la carriera come attore teatrale, per approdare al cinema alla fine degli anni Venti, come aiuto regista del grande Anatole Litvak. Ha diretto il suo primo film nel 1931: la commedia in cortometraggio “Dann schon lieber Lebertran”. Di origine ebraica, nel 1933 è emigrato in Francia e in seguito si è trasferito in Svizzera e in Italia. Nel 1939 si è arruolato nella Legione straniera francese, e dopo l'armistizio tra Francia e Germania, nel 1941 è emigrato negli Stati Uniti. Tornato in Europa nel 1950, è morto ad Amburgo nel '57. È sepolto a Parigi nel cimitero Père Lachaise.

Immagine decorativa

Lunedì Cinema
Un cineforum pensato come occasione di confronto per una lettura più approfondita di un film, di un regista o di un genere cinematografico, ma soprattutto per incontrarsi, parlare di cinema e scambiare opinioni. Il calendario è stato selezionato per sorprendere e incuriosire un pubblico ampio: infatti, come tradizione sono proposti cicli diversi, caratterizzati da temi specifici, che consentiranno di approfondire la conoscenza del cinema, delle sue espressioni e della sua storia. Ogni proiezione è preceduta da un'introduzione di Ludovico Maillet.

«Lunedì Cinema» è organizzato dai Comuni di Arco e Riva del Garda per la cura del centro culturale «La Firma» in collaborazione con la Federazione Italiana Cineforum: dal 23 ottobre al 26 marzo, alternativamente ad Arco (a palazzo dei Panni) e a Riva del Garda (all'auditorium del Conservatorio) sono proposti al pubblico 19 pellicole per cinque cicli tematici.

Posizione GPS