Menu principale

Ti trovi in:

Home » Comune » Comunicazione » Notizie » Eliodoro: per l’estate Grafein diventa campus

Menu di navigazione

Comune

Eliodoro: per l’estate Grafein diventa campus

di Lunedì, 17 Luglio 2017
Immagine decorativa

Dopo aver dato avvio al servizio Grafein (dal greco scrivere) come proposta per supportare minori e famiglie, ed essere di affiancamento alle scuole per chi ha difficoltà e disturbi specifici dell’apprendimento, la cooperativa sociale Eliodoro sperimenta nuove possibilità per l’estate: la novità Grafein Campus e – sulla scorta di anni di lavoro dell’associazione Strada Facendo – i laboratori estivi. (leggi)

Il campus è una sperimentazione che Eliodoro propone quest’anno per la prima volta, per due settimane a part time dal 17 al 21 e dal 24 al 28 luglio.

«Intendiamo offrire un’esperienza a forte valenza educativo-formativa –spiega il direttore di Eliodoro Cristian Aiardi– destinata a bambini e ragazzi tra i 10 e 14 anni d'età, con difficoltà e disturbi specifici dell’apprendimento. Due settimane specifiche e non in concorrenza con altre proposte sul nostro territorio, che comprenderanno attività didattiche, ludiche e motivazionali con un’attenzione specifica alle difficoltà di apprendimento».

Le attività sono svolte nella sede dell’Istituto comprensivo di Arco, in via Caproni-Maini in località Prabi, dalle 8.30 alle 14 per quattro giorni alla settimana, e dalle 8.30 alle 17 per un giorno alla settimana.

«Gli obiettivi del campus –aggiunge la referente Sabrina Zanon– sono di supportare la motivazione e aumentare il livello di autostima attraverso l’acquisizione di strategie per migliorare l’approccio allo studio e il metodo di studio, e di favorire l’espressività creativa e l’acquisizione di nuove competenze attraverso la sperimentazione di specifiche attività e l’utilizzo di diverse tecniche e materiali. Ma anche offrire nuove occasioni di incontro e socializzazione in un contesto ludico ed educativo, e allo stesso tempo coinvolgere e supportare i genitori nel percorso verso l’autonomia di studio dei figli».

La sperimentazione è possibile anche grazie alla collaborazione con l’Istituto comprensivo di Arco e grazie ai contributi del Comune di Riva del Garda, del Comune di Arco e della Cassa Rurale Alto Garda.

«Riconosco al progetto Grafeinestate 2017 della cooperativa Eliodoro –dice l’assessora Lucia Gatti del Comune di Riva del Garda– un contenuto e un metodo di lavoro innovativi, nel senso di aver saputo cogliere i reali bisogni di questa specifica utenza offrendo risposte condivise, coerenti e concrete. L' articolazione della proposta offre quest'anno percorsi individuali o a piccoli gruppi, un campus e laboratori artistici e consente a bambini e ragazzi con difficoltà e disturbi di apprendimento di sostenere e valorizzare le loro potenzialità. Il sostegno a questa iniziativa da parte dell' Amministrazione comunale è motivato soprattutto dal fatto di riconoscere a questa realtà cooperativa fortemente radicata sul territorio e partecipe delle politiche intraprese negli ultimi anni nell'ambito del Distretto Famiglia un impegno importante e strutturato nel settore dei percorsi di sostegno al benessere familiare in particolare a quelli rivolti alle famiglie con presenza di handicap».

La valenza educativa del campus è sottolineata anche da Maurizio Caproni, dirigente dell’Istituto comprensivo di Arco: «Ritengo che per tutte le scuole sia fondamentale la collaborazione con enti esterni ed altre agenzie educative, in particolare per bisogni specifici come i disturbi specifici dell’apprendimento, che vanno presidiati non solo durante il periodo scolastico ma anche nelle vacanze».

«Un progetto importante e innovativo per l'intera comunità –dice l’assessora di Arco Silvia Girelli– che il Comune di Arco ha condiviso e appoggiato con sincero interesse. La capacità della cooperativa Eliodoro di creare una rete di collaborazioni rende ulteriormente preziosa l'iniziativa. Le Amministrazioni comunali di Arco e di Riva del Garda, in un'ottica distrettuale, si prendono carico, in parte, di questa occasione di arricchimento per la nostre famiglie. Un ringraziamento alla cooperativa e ai partner di questo progetto».

Le famiglie però non hanno solo il campus come possibilità, ma anche i laboratori con vari professionisti, formati nel corso degli anni non solo in Eliodoro ma anche in Strada Facendo: si tratta di percorsi ad iscrizione singola nei mesi di luglio, agosto e settembre, che si svolgeranno nella sede della cooperativa, in via Venezia 47 a Varone, a Riva del Garda, e che si distinguono in due macro aree: i laboratori per lo studio, attività mirate per acquisire competenze trasversali, diventare autonomi nello studio e promuovere motivazione; e i laboratori espressivi, proposte per favorire l’espressività creativa e l’acquisizione di nuove competenze attraverso la sperimentazione di diverse tecniche e materiali.

Per informazioni sui laboratori e sul campus è possibile contattare Sabrina Zanon allo 0464 520116 o 348 020866.

Eliodoro
Eliodoro è una cooperativa sociale che gestisce servizi socio-assistenziali, educativi e di formazione verso il mondo del lavoro, operando per la promozione umana e l’integrazione delle persone con disabilità, di coloro che soffrono di un disagio psichico e di chi si trova in condizioni di svantaggio o fragilità sociale di vario tipo. Nel corso degli ultimi anni la cooperativa ha supportato, tra adulti e minori, circa 80 persone, attraverso i suoi servizi che compongono le tre aree d’intervento: formazione e supporto al lavoro, area socio-educativa, area dell’età evolutiva.

Nella foto, da sinistra l'assessora Lucia Gatti (Riva del Garda), il direttore di Eliodoro Cristian Aiardi e l'assessora Silvia Girelli (Arco)