Vai menu di sezione

Acconciatori ed estetisti

Attività di acconciatore e di estetista

Le attività di acconciatore e di estetista sono soggette alla sola S.C.I.A., da presentare all’ Ufficio attività produttive  del Comune. L’esercizio dell’attività non è subordinato al rispetto del criterio della distanza minima o di parametri numerici prestabiliti riferiti alla presenza di altri soggetti svolgenti la medesima attività.

Con la S.C.I.A. il richiedente deve dichiarare specificatamente il possesso dei requisiti previsti dal Regolamento, con particolare riferimento ai requisiti dei locali ed ai requisiti professionali del responsabile tecnico, nonché di essere a conoscenza delle disposizioni igienico – sanitarie indicate dal Regolamento.

La S.C.I.A. deve essere presentata anche nei casi di trasferimento di proprietà o gestione (compravendita, affitto, successione, ecc.) o di trasferimento di sede di esercizio dell’attività.

 

Riferimenti normativi 

  • D.P.P. 05.11.2008, N. 52-159/Leg. "Regolamento di attuazione dell'art. 18bis della legge provinciale 1 agosto 2002, n. 11 in materia di disciplina dell'attività di acconciatore ed estetista";
  • Legge 17 agosto 2005, n. 174 (acconciatore);
  • Legge 4 gennaio 1990, n. 1 (estetista).
Pagina pubblicata Mercoledì, 15 Ottobre 2014 - Ultima modifica: Martedì, 04 Novembre 2014
torna all'inizio del contenuto